19 novembre 2007

Eighties on my back

Mi sto ascoltando l'opera omnia dei Diaframma.
Non posso dire riascoltando perchè all'epoca della loro uscita ascoltai sì e no (di straforo, o nell'aria) un paio di pezzi tipo Amsterdam e Siberia.
Devo dire di essermi perso molto della new wave fiorentina, tutto spostato com'ero sul versante Litfiba, che poi avrebbero deviato (abiurato?) verso il rock'n'roll (il successo, i soldi?).
Leggi: SI'.
Fatto sta che i testi sono di ben altro spessore rispetto a quelli di Pelù e la musica, beh, la musica almeno degli inizi è un pò troppo debitrice di quel finto suicida con il volto truccato.
L'ascolto dà comuque profondi brividi che qualsiasi gruppo odierno non riuscirà mai ad avvicinare.
It was the eighties, brothers and sisters.

3 commenti:

googler ha detto...

Although from different places, but this perception is consistent, which is relatively rare point!
nike dunk

Anonimo ha detto...

ma vaffanculo.....poseur

Anonimo ha detto...

ne sai un cazzo tu, di musica rottinculo...